venerdì 18 maggio 2012

Averla e' facile. Chiedimi come






- -

Spilla 'sessista' a Rinascente, 

arriva Camusso,

 e viene archiviata ...

 Camusso Rinascente spille sessiste
Stamani il leader della Cgil, Susanna Camusso, ha incontrato in un albergo del centro storico le commesse della Rinascente a un mese dalla polemica sulle spille "sessiste". La scritta 'Facile averla. Chiedimi come' aveva suscitato non poche battute poco galanti e commenti imbarazzanti. Da qui la reazione delle commesse che, hanno raccontato mentre alla spicciolata entravano nell'albergo, non hanno digerito neppure l'obbligo di coccolare il cliente - con la spilla 'tvtb' - in alcuni week end considerati di minore affluenza.


Potrebbe interessarti: http://www.firenzetoday.it/cronaca/camusso-rinascente-spille-sessiste.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/FirenzeToday

. SupportHost .
  FIRENZE, 17 MAG - Arriva il segretario generale della Cgil Susanna Camusso e la spilla 'sessista' che tanto ha fatto discutere nella sede della Rinascente di Firenze viene archiviata. Effetto della protesta o, come annunciato, scelta aziendale per la fine della promozione, ormai le commesse non devono piu' portare ben in evidenza quella frase:
Spilla doppio senso commesse pubblicità Rinascente                                    'Averla e' facile. Chiedimi come'
, che nel capoluogo toscano ha provocato commenti poco galanti e battute imbarazzanti.
 La spilla dimostra ''il non rispetto per la persona'', ha affermato Camusso.

 Spilla doppio senso commesse pubblicità Rinascente
'Averla e' facile. Chiedimi come'. E' quanto scritto su una spilla, a evidente doppio senso, appuntata sul petto di un'ottantina di commesse che per tutto il giorno interagiscono con i clienti della Rinascente, e che sono obbligate talvolta a far fronte alle battute e ai doppi sensi sollecitati da quella frase. Lo scopo? Pubblicizzare la carta di fidelizzazione.

La "trovata" non è però passata inosservata e nel mondo della politica è scoppiata la polemica in primis nel Pd. La coordinatrice delle donne del Partito democratico metropolitano, Maria Grazia Pugliese, "Umilianti per le donne costrette a indossarle, ancora una volta utilizzate come merce". "La legge del marketing supera il rispetto delle donne e il loro diritto, che al giorno d'oggi dovrebbe essere ben più che acquisito, a non essere utilizzate come merce, su cui appendere messaggi equivoci e offensivi, attraverso un linguaggio fortemente irrispettoso.

Sempre sullo slogan scelto per pubblicizzare la tessera della Rinascente anche la consigliera comunale Ornella De Zordo e Francesca Conti consigliera Pari Opportunità di perUnaltracittà hanno tuonato: "Massima solidarietà quindi a coloro che hanno fatto sentire la propria contrarietà di fronte alla scelta con cui la Rinascente ha deciso di pubblicizzare la carta di fidelizzazione - concludono De Zordo e Conti - e nessuna fedeltà da parte nostra verso un'azienda che ancora nel 2012 mostra di considerare le lavoratrici con così poco rispetto utilizzando, oltre alle loro domeniche, anche il loro corpo pur di far salire le vendite. Anche la dignità fa parte di quei diritti per cui dobbiamo continuare a lottare."


Potrebbe interessarti: http://www.firenzetoday.it/cronaca/spilla-doppio-senso-commesse-pubblicita-rinascente.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/FirenzeToday


.
. -

.
.. .

venerdì 11 maggio 2012

Alfa Romeo di Arese, rastrellamento fatto dalle forze dell’ordine



 “È in corso in questi minuti un vergognoso rastrellamento fatto dalle forze dell’ordine all’Alfa Romeo di Arese, nel tentativo di cacciare gli operai che sono dentro lo stabilimento. Si tratta di un fatto gravissimo e del tutto illegale perché dentro l’Alfa vi sono i locali del Consiglio di Fabbrica e i delegati e i lavoratori hanno tutto il diritto di utilizzarli come hanno sempre fatto in questi anni. Nel denunciare questa azione illegale delle forze dell’ordine chiediamo al Ministero dell’Interno di intervenire immediatamente per fermare questa palese violazione delle più elementari regole democratiche”. Lo rende noto Paolo Ferrero, segretario di Rifondazione Comunista

 . Gestnewsletter .

mercoledì 2 maggio 2012

Binario 21, Il diario

stanislao
 Rocco


Giorno 147. Milano, 2 maggio 2012


Ieri è stata la festa del 1° maggio. La festa dei lavoratori. Purtroppo bisogna fare i conti ogni giorno con un vero e proprio bollettino di guerra: persone che si suicidano per aver perso il posto di lavoro, presidi e proteste in tutta Italia di gente licenziata a cui non rimane nulla. Ringraziamo il cantante Caparezza che sul palco del concerto di ieri a piazza San Giovanni a Roma ha ricordato la nostra lotta che ormai prosegue da cinque mesi. I segretari nazionali dei tre sindacati Cgil, Cisl e Uil, presenti nella Capitale dovrebbero farsi un esame di coscienza sulle malefatte e sul silenzio operato nei confronti di questa vertenza da parte delle proprie federazioni dei trasporti. Che sono state, e sono, completamente assenti dalla nostra lotta e continuano a infangare una così nobile istituzione qual è il sindacato. Noi continueremo la nostra lotta fino a quando non avremo ottenuto i risultati che ci siamo prefissati l’8 dicembre.
Ora e sempre resistenza!
Ci sentiamo domani…
Rocco



Giorno 142. Milano, 27 aprile 2012


Oggi è iniziato il caldo. Un caldo che con questi teloni diventa un forno per noi. Dopo quasi cinque mesi di protesta, di cui tre passati da me su un traliccio, mi chiedo che razza di Paese sia questo. Dopo l’annuncio, seppure in via ufficiosa, del ripristino dei treni notte, le stesse persone che confermano la notizia stanziano 150mila euro in corsi di formazione. Corsi per formare a pulire i wc. Chiaramente soldi pubblici. Soldi dei cittadini usati per dirottare i lavoratori in questa realtà. Questa battaglia civile allontana i lavoratori dal loro sacrosanto posto, e tutto perché la Regione Lombardia, di concerto con Trenitalia e le associazioni sindacali, decidono di non lottare per il ripristino dei treni notte. La solità vergogna nazionale: i sindacati dei trasporti andrebbero commissariati, da decenni svendono i lavoratori degli appalti ferroviari in cambio di privilegi. Tutto questo nella totale indifferenza delle istituzioni. Noi da quassù guardiamo a un mondo migliore e non molliamo assolutamente di fronte a questa corruzione che ci nega il nostro diritto di lavoratori nel settore notte ferroviario.
Ci sentiamo domani…
Stanislao

Giorno 141. Milano, 26 aprile 2012

Non capiamo il motivo che porta la Regione Lombardia e Trenitalia a spingerci fuori dal nostro settore. In una seduta della giunta lombarda sono stati deliberati dei corsi di formazione che riguardano operazioni di pulizia e decoro e micromanutenzione per conto di ditte dipendenti da Trenitalia. Intendono aprire anche quello per addetto a operatore di assistenza per viaggiatori disabili all’interno della stazione per conto di Rfi.
Questi corsi di formazione ci impediranno di tornare al nostro lavoro. Dopo le mosse di Trenord, Angels e Atm anche questa manovra intende tagliarci fuori dal mondo ferroviario al quale noi apparteniamo a pieno diritto.
Noi dalla torre non ci muoviamo.
Ci sentiamo domani…
Rocco

Giorno 138. Milano, 23 aprile 2012

Novità non ce ne sono e non ce ne saranno finché non verrà aperta e ufficializzata la trattativa che aspettiamo da dicembre. Tutte le notizie sono ufficiose, prova lo è che non è stato comunicato ancora nulla e le parole di Improta finora rimangono solo parole. In queste settimane stiamo combattendo contro il maltempo, lavoriamo per evitare che la pioggia ci ricopra. Piove continuamente e Rocco non fa altro che sistemare i teloni che ci fanno da tetto, entra acqua da tutti i lati. Speriamo che il maltempo passi. Almeno questo. La gente continua a starci vicina e a venire al presidio, alcuni colleghi hanno iniziato a lavorare con il patto di Trenord. Altri, come noi, continuano a crederci e a stare qui. Il sostegno dall’esterno è forte. Alcune sere intorno a questa torre si stringono l’affetto e la solidarietà di tante persone. I colleghi, sotto, mantengono il morale alto, anche se la stanchezza si fa sentire. È lecita, siamo in presenza di una protesta da record: l’8 maggio scoccherà il quinto mese. Ma noi continueremo finché non avremo ottenuto quello che vogliamo. Abbiamo speso tanto. Abbiamo lottato tanto.
Ci sentiamo domani…
Stanislao

http://www.eilmensile.it/2012/05/02/binario-21-il-diario-giorno-147/

Caparezza: 1 Maggio 2012



Caparezza -

 1 Maggio 2012 -

 Sono Il Tuo Sogno Eretico 

video qui

 http://cipiri12.blogspot.it/2012/05/caparezza-1-maggio-2012.html


 -
 . Gestnewsletter .-

.
. .
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

E-BOOK

Post più popolari