giovedì 19 luglio 2012

Il contratto a chiamata o intermittente dopo la riforma del lavoro

 

Il contratto a chiamata o intermittente dopo la riforma del lavoro

La Legge 92 del 2012 va a modificare anche la disciplina dei contratti a chiamata o intermittenti. Vediamo in breve come cambia questa fattispecie contrattuale.

La L. 92/2012 meglio conosciuta come riforma del mercato del lavoro, ha introdotto grosse novità anche in tema di contratti intermittenti o a chiamata o con un inglesismo Job on call, rispetto al D. Lgs. 276/2003 e le successive modifiche.
Le novità riguardano soprattutto i motivi soggettivi e oggettivi per cui si può avviare questa fattispecie contrattuale, ma soprattutto la procedura con cui dovranno essere “chiamati” i lavoratori; infatti dal 18 luglio in poi ogni chiamata dovrà essere comunicata anche alla Direzione Territoriale del lavoro competente.

Motivi Soggettivi

Dal 18 luglio 2012 il contratto a chiamata può essere stipulato con soggetti:
  • di età superiore a 55 anni, in precedenza 45 anni;
  • di età inferiore a 24 anni, fermo restando che le prestazioni devono essere svolte entro il 25esimo anno di età, in precedenza il limite era fissato in un generico 25 anni;

Motivi oggettivi

Sono quelle motivazioni in base al quale può essere stipulato il contratto a chiamata e riguardano il periodo in cui dovrebbe avvenire la “chiamata” e la tipologia di lavoro da sgolgere, quindi il nuovo contratto a chiamata potrà essere stipulato:
  • per periodi predeterminati nell’arco della settimana, del mese o dell’anno, quindi i periodi saranno stabiliti dalla contrattazione collettiva e non dovranno pertanto essere necessariamente i fine settimana, i festivi e le ferie estive;
  • per le attività di cui alla tabella allegata al RD n. 2657/1923, così come già stabilito dal D. Lgs. 276/2003.

Periodo transitorio

La legge stabilisce anche il periodo transitorio della normativa vigente prima del 18 luglio 2012, ovvero per quei contratti stipulati prima dell’entrata in vigore della riforma del mercato del lavoro. I contratti stipulati, trasformati, integrati o prorogati entro il 17 luglio 2012 seguiranno la vecchia normativa, ma solo per la parte riguardante le motivazioni per cui viene stipulato il contratto a chiamata e comunque perderanno ogni efficacia entro 17 luglio 2013.

Modalità di comunicazione alla DTL (ex DPL)

Prima dell’inizio della prestazione lavorativa, il Datore di Lavoro è tenuto a dare comunicazione con modalità semplificate alla Direzione territoriale del Lavoro competente per territorio, mediante sms, fax o posta elettronica.
La comunicazione amministrativa semplificata dovrà avvenire preventivamente rispetto all’inizio della prestazione lavorativa o di un ciclo integrato di prestazioni di durata non superiore a 30 giorni.
In caso di violazione dell’obbligo di comunicazione trova applicazione la sanzione amministrativa da 400 a 2.400 euro per ciascun lavoratore per il quale è stata omessa la comunicazione.

Esiste un periodo transitorio per questa procedura?

E’ una domanda che si saranno posti in molti, immagino! La legge però non ha previsto un periodo transitorio. Nella circolare 18/2012 del Ministero del Lavoro di cui abbiamo già parlato, il Ministero comunica agli ispettori di cercare di essere “morbidi” in tal senso, almeno fino all’uscita della circolare definitiva in cui si stabiliscono i metodi ufficiali di comunicazione.
Si legge nella circoalre: “i provvedimenti sanzionatori sul nuovo obbligo di comunicazione dei lavoratori a chiamata dovranno essere adottati con estrema cautela almeno fino a quando non verrà emanato il decreto ministeriale che individua le modalità semplificate di comunicazione.”
Leggi anche: Min. Lavoro: la circolare 18 sulla Riforma del Lavoro
Tuttavia sappiamo bene che in caso di sanzione, la circolare, proprio perchè di rango inferiore alla legge, non potrebbe essere portata agli atti in caso di ricorso. Quindi a mio avviso è meglio adeguarsi da subito! Per questo ci viene incontro la Direzione Territoriale del lavoro di Modena attraverso il portale www.dplmodena.it che ha già pubblicato una news in cui spiega come accetteranno le comunicazioni.
Ad oggi, la comunicazione dovrà pervenire alla Direzione Territoriale per il Lavoro – competente per territorio – tramite fax o posta elettronica (clicca qui per verificare il numero di fax e l’email della DTL di competenza).
Inoltre mette a disposizione un fac-simile della comunicazione, che fatte le dovute correzioni, potrà essere utilizzato anche nel resto d’Italia, almeno per il momento. Attenzione, non si tratta del modulo ufficiale!


 http://www.lavoroediritti.com/2012/07/il-contratto-a-chiamata-o-intermittente-dopo-la-riforma-del-lavoro/


.

.

- PREVISIONI per il 2015 -

.
.


SESSO E ZODIACO

Conosci la personalita' di
ogni segno zodiacale
per capire la sua

SENSUALITA'


.






LEGGI ANCHE


. Bookmark and Share
..


 Ecco la Pagina dei PIANETI 

del Nostro Sistema Solare 
.

. Bookmark and Share .

Nessun commento:

Posta un commento

Eseguiamo Siti e Blog personalizzati visita: www.cipiri.com

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

E-BOOK

Post più popolari