loading...

domenica 11 agosto 2013

Italia : calano gli assunti, crescono i precari


Fornero «flop»: calano gli assunti, crescono i precari

Che la riforma Fornero sarebbe stata un grosso flop già lo si era capito da tempo, ma ieri sono arrivati - a conferma - gli ultimi dati dell'Isfol (istituto del ministero del Lavoro). Secondo il terzo rapporto sulla riforma, diminuiscono le assunzioni (-10,4% nel primo trimestre del 2013 rispetto al primo del 2012), aumenta la percentuale di contratti precari sul totale dei nuovi assunti (sono ormai quasi al 68%), crolla anche l'apprendistato (-22%). Certo, è anche colpa della crisi, ma sicuramente la legge che doveva rappresentare la soluzione dei problemi, o perlomeno un tentativo fatto dal governo Monti, non ha funzionato.

Ed ecco i dati nel dettaglio. Come già anticipato, le assunzioni segnano un calo di ben il 10,4% in un anno (primo trimestre 2013 rispetto allo stesso periodo del 2012); ma la tendenza alla discesa non si è arrestata, tanto che si registra un calo dell'1% rispetto al quarto trimestre del 2012. Prosegue nel primo trimestre 2013 la decisa diminuzione delle attivazioni di contratti a tempo indeterminato (-7,4% su base congiunturale, -10,2% rispetto allo stesso trimestre del 2012), dovuta, secondo l'Isfol, «alla persistenza di un andamento congiunturale fortemente negativo».

E intanto i contratti a tempo determinato rimangono nettamente prevalenti nelle nuove assunzioni: dal luglio 2011 al marzo 2013 l'incidenza dei rapporti a termine sul totale degli avviamenti è passata dal 63,4% al 67,5%. Poco meno della metà (42,9%) dei nuovi assunti a termine ha firmato un contratto di brevissima durata (non superiore al mese); uno su tre circa (36,8%), invece, ha potuto lavorare tra i 4 e i 12 mesi. In netto calo, poi, i rapporti di lavoro a tempo determinato di durata maggiore ai 12 mesi: dal primo trimestre 2012 al primo trimestre 2013 la quota dei contratti superiori a 1 anno è passata dal 3,4% all'1,2%. Va meglio, al contrario, per il lavoro intermittente e per i contratti di collaborazione, che mantengono un trend stabile.

Crollano, infine, gli avviamenti per apprendistato: nel primo trimestre 2013 registrano una flessione marcata, pari al 7,1% rispetto al trimestre precedente e al 22,2% su base tendenziale.

Colpiti particolarmente i giovani: rispetto al quarto trimestre 2012, la diminuzione del numero di avviamenti in apprendistato, per chi ha tra 15 e 29 anni, è pari a oltre tre volte la flessione registrata per il totale degli avviamenti nella stessa classe di età.

http://www.ilmanifesto.it/area-abbonati/in-edicola/manip2n1/20130808/manip2pg/04/manip2pz/344199/
.
.

.

Nessun commento:

Posta un commento

Eseguiamo Siti e Blog personalizzati visita: www.cipiri.com

loading...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

E-BOOK

Post più popolari