mercoledì 7 settembre 2016

Robot e Reddito Minimo



Non possiamo parlare di robot senza parlare anche di reddito minimo

Un tempo le discussioni sul reddito di base il salario che il governo dovrebbe garantire a ogni cittadino erano relegate allo squallido ufficio di qualche politico di estrema sinistra o alla stanza di qualche studente idealista determinato a risolvere i problemi ereditati dalla precedente generazione. Era un dibattito che verteva sulla responsabilità sociale. Non era un fatto economico ma morale.

La significativa accelerazione nel processo di automazione del lavoro e progressiva sostituzione dei dipendenti umani, però, sta riportando in auge il tema. La società di oggi rischia di pagare cari gli sviluppi nel campo dell’intelligenza artificiale o della crescente automazione e si cercano modi di intervenire prima che sia troppo tardi. Tra questi,
 l’opportunità di garantire un reddito di base.





L’ascesa dell’intelligenza artificiale

Oren Etzioni, amministratore delegato dell’istituto Allen per la ricerca sull’intelligenza artificiale, crede che l’IA sia la chiave per la creazione di una vera utopia—ma la strada sarà piena di ostacoli. “Sarà difficile,” spiega Etzioni. “Molte persone perderanno il posto di lavoro e bisogna prendersi cura di loro. 
Da tempo si parla di reddito di base, di imposta negativa e programmi di formazione. Abbiamo il dovere di trovare un modo per aiutare la gente a fronteggiare la natura specifica dei cambiamenti tecnologici in corso.”

La natura specifica in questione è, in larga parte, l’ascesa dell’intelligenza artificiale. Conosciamo già, per esempio, gli esiti di un’eventuale automazione nel settore del trasporto su gomma: sparirebbero 3 milioni di posti di lavoro solo negli Stati Uniti, più altri 6.8 milioni di lavoratori in altre parti dell’industria. 


Si pensi ora alle ripercussioni che la cosa avrebbe, per esempio, sull’attività della polizia che guadagna circa 6 miliardi di dollari l’anno con le multe per eccesso di velocità ovviamente si perderebbero molti altri posti di lavoro. E ancora si pensi agli avvocati e alle compagnie d’assicurazione coinvolte negli incidenti automobilistici, i meccanici, gli psicoterapeuti e i fisioterapisti specializzati, le scuole guida e così via. Improvvisamente il livello di disoccupazione è sconvolgente e questo per quanto riguarda la 
sola introduzione di auto senza pilota.



La longa manus dell’automazione

L’IA non creerà solo auto senza pilota, però. Prendiamo, per esempio, l’industria alimentare. Un ricercatore del MIT ha creato BakeBot Robot che utilizza uno scanner laser e una fotocamera stereoscopica per identificare gli ingredienti di una pietanza e li cucina, facendo affidamento su componenti robotiche piuttosto elementari. Molti ristoranti stanno già sperimentando la possibilità di ridurre il personale, integrando l’uso di app nel processo di ordinazione e pagamento. Un giorno, l’ordine potrebbe arrivare direttamente in cucina, dove BakeBot procederebbe a prepararlo. Il cibo, poi, sarebbe consegnato da droni, alternativa possibile già oggi. Ed ecco che in pochi passaggi abbiamo completamente eliminato i dipendenti umani da un intero ristorante, il tutto facendo affidamento su un 
tipo di tecnologia che è già disponibile. Certo, la tecnologia è ancora imperfetta,
 ma è solo questione di tempo.

Ci sono altre cose, poi, che risolveremo a breve, come l’automazione dei servizi medici. La telemedicina o l’uso di intelligenze artificiali a scopi diagnostici ridurrà drasticamente il numero di visite non urgenti al pronto soccorso, un problema che i metodi tradizionali non sono riusciti a risolvere. La chirurgia robotica, o la chirurgia assistita da robot, è uno strumento comune che permette al chirurgo umano un 
grado di precisione e controllo senza precedenti. Al momento queste macchine richiedono operatori umani, ma il grande balzo a macchine completamente autonome è imminente.



La macchina pensante

La vera svoltà si avrà se, o quando (e sembrerebbe sempre più una questione di “quando”), le 
macchine saranno genuinamente creative. Da tempo abbiamo iniziato ad automatizzare compiti fisici, ma l’automazione dei compiti cognitivi è sempre stata più impegnativa. Gli esperti in materia discutono la definizione stessa di intelligenza artificiale e gli obiettivi raggiunti, ma tutti concordano che una vera intelligenza generale sembra lontana. Ma ci stiamo avvicinando.
AlphaGo ha recentemente battuto Lee Sedol a Go, un risultato che, nel 2015, sembrava ancora distante un decennio. Il momento più entusiasmante dell’incontro è stato una singola mossa nella seconda partita così strana che un commentatore si è sbilanciato nel definirla un errore. Una mossa che nessun giocatore umano si sarebbe sognato di fare, ma Fan Hui, un altro campione di Go, l’ha definita “splendida.” Solitamente definiamo la creatività come l’abilità di creare arte o fare battute, ma “pensare fuori dagli schemi” è una forma di creatività. Arrivare obliquamente alla soluzione di un problema è 
sempre stato difficile per i computer, ma AlphaGo ha chiaramente superato l’ostacolo.

Il Boston Consulting Group prevede che per il 2025 un quarto dei posti di lavoro totali saranno persi a favore di applicazioni software o robot. Garner, un’azienda di ricerca tecnologica, corregge la stima al rialzo fino a un terzo, mentre Carl Benedikt Frey e Michael Osborne, ricercatori presso l’università di Oxford, stimano che entro il 2033 sarà automatizzato il 47% dei posti di lavoro statunitensi.



La domanda a cui il reddito di base può rispondere

Quindi di cosa si tratta, esattamente, e perché sembrerebbe la soluzione ai problemi dell’automazione crescente?Esistono due termini d’uso comune (spesso usati erroneamente come sinonimi): reddito di base e reddito minimo. Il reddito di base è un reddito garantito dalla comunità politica a tutti i suoi membri su 
base individuali, senza requisiti. Significa che ogni persona riceve lo stesso compenso, 
indipendentemente da cosa faccia.

Un reddito minimo, al contrario, è sempre garantito su base individuale, ma tiene conto di fattori come il reddito familiare, eventuali disabilità o può essere pagato in modo pianificato (x per l’affitto, x per il cibo e così via). Il walfare è un esempio di reddito minimo. In molti paesi, un pot-pourri dei programmi statali va ad assemblare la rete di sicurezza che protegge le fasce più povere della popolazione; ma essendo assemblata male, questa rete ha dei buchi. Un vero reddito minimo combinerebbe sussidi e sgravi fiscali.

Se pensate che suoni socialista avete ragione. Eppure un intellettuale conservatore come Charles Murray ha proposto l’introduzione di un reddito annuale di 10.000 dollari. Il fondo permanente dell’Alaska, che è finanziato da investimenti fatti con il ricavato dal commercio di petrolio, paga ogni anno i dividendi a tutti i residenti dello stato. Milton Friedman, un economista spesso citato da conservatori e repubblicani,
 supporta l’introduzione di un reddito di base.

Questo perché il reddito di base permette di fare due cose che faranno saltare la gente di destra sul carro dei servizi sociali: risparmiare soldi e ridurre il governo. Al momento i programmi di assistenza sociale di molti paesi sono un disastro di dipartimenti sovrapposti, organizzazioni e sistemi. Garantire una quantità di denaro specifica a ogni cittadino elimina molto lavoro d’ufficio (e un sacco di posti di lavoro, ovviamente).

Non tutti sono d’accordo. La paura maggiore è che si rischi di avere una popolazione demotivata rispetto al lavoro. Gli studi a lungo termine sull’efficacia del programma sono importanti passi avanti verso una sua effettiva implementazione al momento, purtroppo, non ce ne sono molti a disposizione, ma esistono due importanti casi d’uso.

L’esperimento “Mincome” si è tenuto tra il 1974 e il 1979 nella cittadina di Dauphin, in Manitoba. Spesso citato come esempio di successo nella sperimentazione di un reddito di base, in realtà è un tipico esempio di reddito minimo. Tra il 1968 e il 1980 sono stati portati avanti cinque esperimenti di questo tipo in Nord America, in primo luogo per indagare l’impatto di un reddito di base sul mercato del lavoro. Il Mincome era però unico, nelle sue caratteristiche, perché sebbene si concentrasse sui lavoratori poveri, 
non escludeva a priori gli anziani e i disabili. Questo lo rende un benchmark più affidabile di come potrebbe funzionare un reale programma su scala nazionale.

Ogni famiglia o individuo di Dauphin aveva diritto a un certo ammontare mensile che avrebbe sostituito qualsiasi altro supporto economico ricevessero precedentemente. Il loro mincome, poi, veniva decurtato di 50 centesimi per ogni dollaro guadagnato lavorando. Dal momento che Dauphin era una comunità agricola il cui reddito era fortemente legato al successo del raccolto, molti lavoratori non potevano 
sapere in anticipo se avrebbero ricevuto il mincome. Solo 1000 residenti hanno ricevuto il loro e tutti sapevano che l’esperimento era temporaneo
 (il che potrebbe averne falsificato i risultati, sostengono alcuni).

In ogni caso Mincome è stato un grande successo. La paura che le persone avrebbero smesso di 
lavorare si è rivelata infondata; le ore di lavoro sono diminuite solo dell’uno percento per gli uomini, il tre per le donne sposate e il cinque per gli scapoli. Le madri con figli appena nati riuscivano a stare a casa più a lungo, è aumentato il successo scolastico tra i teenager e le visite in ospedale sono diminuite dell’otto percento. SI è registrata anche la diminuzione dell’ospedalizzazione psichiatrica e nel numero di 
colloqui specialistici legati a malattie mentali.

Sfortunatamente un cambio di governo ha portato alla fine del programma e i risultati sono stati a lungo ignorati o sottovalutati. Fino a quando, nel 2011, 
Evelyn Forget non ha pubblicato un’analisi dei risultati. 

Il Canada aveva fatto qualcosa di incredibile, qualcosa che si poteva ritentare.

Nel 2010 l’Iran è diventato il primo paese del mondo a garantire un reddito di base ai suoi cittadini. Pensato come alternativa ai vari sussidi per la benzina e altri generi, a ogni cittadino sono stati accordati 40 dollari mensili. Sfortunatamente il reddito di base è finito per costare al governo più di quanto costassero i precedenti sussidi. Un’opzione per affrontare il problema sarebbe implementare un reddito minimo in luogo del reddito di base, verificando le disponibilità economiche dei beneficiari. Un'altra cosa 
suggerita è stata che un diritto universale non corrisponde all'esercizio universale di quel diritto; se i benestanti possono essere indotti a rinunciare al loro diritto a beneficiare del reddito di base il problema si risolverebbe da solo. Il punto nodale, comunque, è che molte voci suggeriscono il ritorno a un sistema vecchio. Per quanto perfettibile, sembrerebbe che il reddito minimo sia qui per rimanere.

In tutto il mondo alcuni governi stanno prendendo spunto da questi esempi e organizzando i propri esperimenti a riguardo. La provincia canadese dell’Ontario ha recentemente annunciato che nel budget 2016 sarà compresa la sperimentazione di un reddito di base. Anche se la vera dimensione di questo esperimento non è ancora nota, il Canada ha annunciato che lo scopo è stabilire se l’introduzione di un reddito di base possa portare a un complessivo risparmio statale. In Finlandia un esperimento analogo 
inizierà nel 2017 e durerà due anni. Questo sarà l’esperimento metodologicamente più rigoroso a oggi e i promotori attendono con trepidazione i risultati. Nel mentre in Svizzera si terrà in proposito un referendum a giugno di quest’anno e un’organizzazione benefica chiamata Give Directly ha deciso di sollevare il governo da questa responsbilità e impegnarsi direttamente; sta garantendo un reddito di base per 10 anni ad alcune famiglie selezionate in Kenya.

La tecnologia sale in cattedra

Elon Musk e Stephen Hawking sono tra gli 8600 firmatari di una lettera aperta a proposito dei potenziali pericoli legati all’intelligenza artificiale. La lettera espone la necessità di meccanismi di sicurezza per assicurarsi che l’AI sia positiva, piuttosto che neutrale, nei suoi scopi e auspica la massimizzazione dei benefici sociali che possono derivarne.
 In breve, chiede responsabilità sociale.

Le persone che lavorano nel settore della tecnologia si stanno prendendo la responsabilità delle 
innovazioni che introducono, che hanno l’effetto di modificare in modo profondo il nostro mondo. “Tra cinquant’anni, sembrerà probabilmente ridicolo aver sfruttato la paura di morire di fame delle persone per motivarle”, dice Sam Altman, di Y Combinator. Y Combinator ha deciso di non aspettare che il governo facesse qualcosa e ha annunciato la ricerca di un project manager per gestire un esperimento indipendente della durata di cinque anni sul reddito minimo. Google.org è uno dei membri fondatori dell’esperimento Give Directly in Kenya, mentre luminari della Silicon Valley come il creatore di 
Netscape Marc Andressen e il gigante dei media Tim O’Reilly
 sono a favore del reddito minimo. 

Andressen ha detto al NY Mag che la principale argomentazione contro il reddito minimo era che i beneficiari avrebbero smesso di lavorare, ma che la natura umana smentiva questa posizione. “I bisogni e desideri umani sono senza fine. Non siamo mai soddisfatti.”

Il fattore decisivo circa la necessità del reddito minimo è il futuro dell’automazione. Se è inevitabile che l’intelligenza artificiale rimpiazzi la forza lavoro umana, il reddito minimo potrebbe essere l’unica strada disponibile.



LEGGI ANCHE
i Robot sostituiranno l' uomo nel Lavoro

http://cipiri5.blogspot.it/2016/09/robot-sostituiranno-luomo-nel-lavoro.html


 I TUOI SOGNI DIVENTANO REALI
 OGNI DESIDERIO  REALIZZATO 
IL TUO FUTURO ADESSO 
entra in
MUNDIMAGO


Nessun commento:

Posta un commento

Eseguiamo Siti e Blog personalizzati visita: www.cipiri.com

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

E-BOOK

Post più popolari