loading...

lunedì 1 aprile 2013

Lavorare meno e viver meglio

 

Lavorare meno e viver meglio


«Il prodotto reale del processo [economico] è un flusso immateriale: il piacere della vita»
Nicholas Georgescu-Roegen (1971)
Il discorso dominante delle élite politiche ed economiche non lascia alcun dubbio durante questa crisi. Per alimentare la continua crescita economica e la promessa di piena occupazione, lavorare di più (e mangiare di più) è un dovere patriottico della cittadinanza moderna. Una volta conquistato il potere presidenziale francese nel 2007, Nicolas Sarkozy ha proclamato che la priorità era «lavorare di più per guadagnare di più».
Nel frattempo, Mariano Rajoy non sembrerebbe meno nella sua carriera alla Moncloa (il palazzo del governo, ndt) e, in un’intervista nel marzo 2011, ha inaugurato una via di sviluppo complessa «lavorare di più e guadagnare di meno». Una volta al potere, ha lanciato il suo piano di aumento delle ore di lavoro ad esempio dei funzionari a 37,5 ore con un congelamento dei salari. Allo stesso tempo, i datori di lavoro spagnoli sono venuti alla ribalta con la loro proposta di «mini-jobs», nessuna porta aperta a una riduzione dell’orario di lavoro per vivere meglio con meno, ma aumento del lavoro tra i poveri. Non lontano, il Portogallo ha deciso di aumentare di mezz’ora un giorno della settimana di lavoro nel settore privato e tutti i paesi europei hanno scelto di aumentare l’età pensionabile.
Di fronte a tutto ciò, che può soltanto aggravare ulteriormente la crisi sociale ed ecologica, è necessario rivedere la nostra idea del lavoro e delle attività umane: ci sono altri scopi diversi dalla crescita e l’essere umano ha altri mezzi di espressione, nonché di produzione o di consumo. Attività domestiche, di volontariato, artistiche, associative, ecc., Anche se non sempre riconosciute, sono fonti di ricchezza. In secondo luogo, dobbiamo rivedere le politiche di reddito per un forte impegno per la giustizia sociale e per sostenere nuove forze produttive. Per questo è importante avanzare verso una nuova ridistribuzione di tempo e, proprio per questo, è decisiva la scommessa della riduzione della giornata lavorativa. Nessuna di queste tre proposte è sufficiente di per sé, ma ognuna rappresenta un passo verso un sistema socio-ecologico di trasformazione dell’economia nel quale la vita buona conta più del potere d’acquisto.
In questo contesto, la proposta rinfrescante della New Economics Foundation (Nef) e il suo adattamento in castigliano attraverso Ecopolítica è un esercizio indispensabile per liberare il pensiero. Lottare per ridurre a ventuno ore settimanali l’orario di lavoro significa opporsi alla riforme del lavoro e alle proposte di riforma delle pensioni che ci spingono a lavorare e consumare sempre di più, come se la disoccupazione, la disuguaglianza e l’esaurimento delle risorse naturali fossero indipendenti. Lottare per ridurre a ventuno ore settimanali l’orario di lavoro non è soltanto una prospettiva: è anche un esercizio di realtà. Consente di pensare a una nuova economia, con basse emissioni di carbonio, in cui si riduce drasticamente la nostra impronta. Questo è il tipo di proposta che ci permette di sognare una società più giusta che promuove l’autonomia individuale e di preservare l’ambiente, questo è il tipo di proposte ambiziose che implicano cambiamenti, adattati al contesto del XXI secolo.
Da Ecopolítica e Nef ci auguriamo che questa opera possa contribuire un po’ a stimolare ulteriormente la riflessione e il bisogno di cambiamento sistemico, nella domanda di giustizia sociale e ambientale, di cui abbiamo bisogno.

Florent Marcellesi, coordinatore di Ecopolítica, è un ricercatore ed ecologista francese, residente in Spagna, autore di numerose pubblicazioni. Aniol Esteban è responsabile di economia ambientale dalla New Economics Foundation. Questo articolo è la traduzione di Comune-info della prefazione alla nuova edizione spagnola del libro «21 ore. Una settimana lavorativa più breve per prosperare nel ventunesimo secolo», di Nef ed Ecopolítica (Icaria Asaco edizioni, di cui trovate altre notizie QUI; Icaria, tra le altre cose, ha pubblicato Decrecimiento o barbarie di Paolo Cacciari, la cui versione originale italiana è stata pubblicata da Carta).


iscrivendoti a questi siti guadagni ogni giorno
.

 
.
  Guadagna soldi

.

.

.

clicca sui banner per saperne di piu'
.

.

Nessun commento:

Posta un commento

Eseguiamo Siti e Blog personalizzati visita: www.cipiri.com

loading...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

E-BOOK

Post più popolari